Musica

Mecna: crescere con coerenza

Posted on in Musica

”Una cosa è se cambio, una cosa è se cresco”
Mecna feat Ghemon – Ottobre Rosso

Per chi segue dagli inizi il percorso di Mecna, rapper foggiano all’anagrafe Corrado Grilli, sa quanto Ottobre Rosso può essere significativo; strofe che trasudano di passione e sacrifici ed un ritornello con chi (Ghemon) dagli esordi ti è sempre stato vicino e sa sulla propria pelle cosa significano le tue parole.

Appassionato di rap prima e rapper poi, Mecna è stato in grado di costruire la sua carriera step by step, riuscendo a calibrare ogni sua mossa, fra album e silenzi.
Dopo le prime esperienze con il suo gruppo di amici, Microphone Killarz ed il nome Mecnamara, la carriera di Mecna inizia nel 2010 con l’ep Valigie per restare in cui si presentava agli ascoltatori parlando di coerenza (Intro), caratteristica difficile da portare avanti, ma non impossibile.Accompagnato dal team di Macro Beats ed il collettivo Blue Nox Corrado si fa strada nell’Hip Hop nostrano, fra le prime critiche ed i primi consensi.

”E se mi dicono che faccio pezzi tristi
E questo non è Hip-Hop, rischi”
Mecna – Senza Paracadute

La musica di Mecna è molto personale ed intima, banalmente riassumibile fra storie d’amore e relazioni umane, non dimenticandosi di escludere però obiettivi personali e l’amore per la musica. Quest’ultima è sempre stata al primo posto per Corrado, tanto da rinchiudersi nella propria vita privata, assentandosi dai social dunque, alla fine di un tour e fra un disco e l’altro. Oggi Mecna nella sua discografia vanta 4 album ufficiali. Il primo nel 2012, Disco Inverno, è ancora molto significativo per i fan e rappresenta un punto di arrivo dopo tanti EP e gavetta. Già con il secondo però Mecna inizia la sua crescita, conscio delle sue potenzialità, della sua visione e principalmente di se stesso. Il secondo album esce nel 2015 si intitola Laska e rappresenta una prima fuga dalla sua personale zona di comfort, come rapper e come artista.

”a disagio come molti altri rapper
Ma il mio disagio è stare con gli altri rapper
A cercare di dire una cosa figa che dicono i rapper”
Mecna – Non dovrei essere qui

Il terzo ed il quarto disco, usciti ad un anno di distanza (2017-2018) segnano poi l’inizio di una crescita per il rapper pugliese, oltre che un passaggio di etichetta; nel 2017 ancora con l’indipendente Macro Beats, nel 2018 con Universal Music. Sembra che quest’ultimo abbiamo capito, grazie alle prime due esperienze musicali, come muoversi e come poter crescere senza cambiare.

”Cambio etichetta ma non cambio testa”
Mecna – Senza di Me

Un esempio lo è il suo ultimo singolo, Pazzo di te, con la produzione di Sick Luke. Una coppia insolita, ma funzionale e già conosciutasi con un altro singolo: Aukurery. Pazzo di te ha un sound diverso dal solito ma perfettamente in linea con l’evoluzione dell’artista , mantenendo quella coerenza con il quale sceglie di iniziare la sua carriera. Riuscendo ad essere se stesso anche nei teatri, location dell’ultimo tour invernale, seppur con l’assenza di strumenti veri che l’atmosfera poteva richiedere.

D’altronde Mecna ha sempre seminato bene, curando ogni minimo dettaglio: dalla playlist su Spotify in cui condividere con i fan i suoi ascolti, dunque le sue influenze, magari ”educando” a suoni diversi, fino alla copertina di Aukurery in cui sotto forme di coordinate era segnata una data, momento in cui è iniziata la promo dell’ultimo singolo.

Daniele Carrano

Article published by

Flâneur