OpinioniStreetwear

LA MODA VUOLE COMODITÀ?

Posted on in Opinioni · Streetwear

Ormai è risaputo e ripeterlo sempre scoccia, ma la cultura urbana, quanto accade in strada, è una ricca fonte di ispirazione per qualsiasi campo creativo. In particolare, la moda attinge sempre di più da quest’ultima e dunque dallo streetwear. Oltre l’hype quest’ultimo porta con se spunti, estetica ed accessori davvero interessanti. Iconico negli anni 90, in particolare per la rave culture, era il marsupio ad esempio, accessorio semplice, comodo ed utile. Un accessorio però, appena passato il trend, mal visto.
Il 2018, fra passerelle di moda ed hypebeast, sembra però aver riportato in voga quest’ultimo e non è un caso. I trend sono ciclici, ma non è un caso che oggi sia il turno del marsupio o meglio della comodità.
Già nel 2015 circa si parlava di comodità con il normcore, un abbigliamento basic, frutto dell’estetica di Steve Jobs, però freddo e che (proprio per la sua freddezza) mai realmente esploso, ma comunque in grado di influenzare poi gli anni a venire. Figlio del normcore è il fenomeno delle Daddy Shoes, ad esempio.

View this post on Instagram

COACH POP KNOWS #TeamMonarch 📷: @slamkicks

A post shared by Team Monarch (@teammonarch) on

Figlio della comodità introdotta dal normcore è il marsupio; perchè? La risposta è nei nostri oggetti quotidiani. Si pensi agli smartphone sempre più grandi ed il continuo rischio di arrivare al 1% della batteria, rendendo così necessaria una powerbank.  Per avere sempre con se quest’ultimi due quale miglior accessorio di  un marsupio o di un borsello?
I trend odierni nella moda hanno quindi capito e sdoganato la comodità, oggi necessaria e comunque sempre piacevole.

Flâneur

Dan Carrano

Article published by

Flâneur

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *