MusicaOpinioni

LA GENERAZIONE DEI BUONI

Posted on in Musica · Opinioni

Il 21° secolo è un momento storico di cambiamenti repentini e spesso confusionali, difficile da  etichettare; si potrebbe parlare di epoca dell’apparire, ma sarebbe comunque riduttivo.

Il sistema politico-economico sta mostrando le prime crepe: la riduzione di posti di lavoro a tempo indeterminato sta creando un’aria di insicurezza in prospettiva futura (in particolare per i giovani). Mentre prima c’era la sicurezza di poter creare una propria vita basandosi su un lavoro fisso ora di fisso c’è l’insicurezza di non sapere dove si sarà domani.
Dall’altro lato invece i social sostituiscono, in maniera impropria, il senso di comunità, di appartenenza  a qualcosa, dove ognuno è pronto a lanciare sentenze nascondendosi attraverso un avatar che di reale ha ben poco.

artwork: Giorgia Amato
In questa giungla, dove ciascuno è pronto a dare la caccia all’altro, non c’è che il nulla, l’unica certezza è non apparire deboli, lo si può essere, ma non apparire.
La realtà però è un’altra, ognuno di noi ha le sue debolezze e non si può indossare ogni giorno la maschera del duro. Questo lo sa bene Ghemon, cantante/rapper avellinese, sempre pronto a parlare delle sue debolezze, facendone una forza e traendone energia positiva.

”Come sto?! Male…perchè cazzo dovrei mentire
bene se chiedono gli altri, deboli qua non si può apparire”

Ghemon – Quanto Ascolto i Dischi


Dieci anni fa Ghemon, con il primo mixtape (Qualcosa Cambierà) e il suo primo album (La Rivincita Dei Buoni),  poneva le basi per quella che potrebbe essere la trama di un buon romanzo. Sono stati 10 anni in cui al romanzo si sono aggiunti tanti capitoli e paragrafi (album e mixtape/ep) tutti legati fra loro da una voglia di progresso
 che caratterizza la vita di un ragazzo pronto a mettersi in gioco, che pian piano acquista coscienza delle sue potenzialità. La storia di un ragazzo che inizia con il suo Moleskine a fare terapia da solo (Nato il 1° Aprile), di un ragazzo che ha cerchiato il suo obbiettivo, essere se stesso, fragile e lunatico, piuttosto che crearsi un personaggio inventato (La Rivincita dei Buoni). 

L’ultimo capitolo (in ordine cronologico) si chiama Mezzanotte e sa tanto di lieto fine, come  di nuovo inizio. Alla fine le sue debolezze sono diventate la sua forza e sono arrivate in 3 posizione Fimi, con un’etichetta indipendente (Macro Beats), contro un’industria musicale falsata da musica-spazzatura. Alla fine le sue ambizioni hanno vinto. 


Ghemon è riuscito a fare al 100% la musica di cui ha sempre parlato, diventando l’uomo che voleva essere, vincendo le debolezze, ma anche una depressione. Nel 2012, sdoganava una volta per tutte una certa intimità, dando anche poi il via libera ad altri artisti, ”perché niente è tanto personale che non si può raccontare” (Fantasmi pt 2). Affrontare certi argomenti, dopo averli vissuti, è buono e giusto, può dare forza a chi ne soffre, anziché isolarlo, come invece accade perchè deboli qui non si può apparire.
Ghemon risulta quindi essere una luce nel panorama italiano, fatto di fenomeni musicali infantili, like e followers, non solo per gli argomenti trattati, ma anche per la determinazione che lo ha portato sempre ad evolversi, diventato un esempio di chi predica bene e alla fine razzola ancora meglio. 
L’artista avellinese ha sempre avuto una visione a 360° della musica black, non facendo mai una netta distinzione fra i generi; rap, soul, blues, r&b non sono altro che cugini. Questa sua visione ha fatto si che nella sua musica Ghemon abbia tentato di unire il tutto; è stato un processo lungo, dove lavorare soprattutto su se stesso, ma alla fine ne è valsa la pena e Mezzanotte ne è la prova. Questo processo di crescita non è stato solo personale, ma anche collettivo. Ghemon non è egoista, la musica è condivisione e sono vari gli esempi in cui ne ha condivisa, pronto a fare entrare chiunque volesse nel suo mondo: Radio Fantasma, La musica di Ghemon su instagram, varie playlist su Spotify ed infine i Dj Set Raccontati. 

”La gente che mi ascolta mi assomiglia”
Ghemon – Smisurata Preghiera 


Non è una stato tutto rose e fiori, di spine ce ne sono state, i fantasmi non erano pochi; il climax c’è stato nel 2013 quando con Grey Goose Blues (brano registrato nel 2011) Ghemon annuncia di smettere di fare rap. Certe etichette stanno strette, vuole di più, sa di poter fare di più. Proprio in questo momento c’è la rivincita dei buoni, un esempio positivo da lui poi riassunto qualche anno dopo in Orchidee in vari brani (Adesso Sono Qui, Veleno, ma soprattutto Nessuno Vale Quanto Te). L’esempio concreto che volere è potere e che la realtà attuale è falsata, le cose si conquistano, da soli, con il proprio essere e non con la propria apparenza. In America dal 2015 si parla di Generazione Z, indicando i giovani d’oggi fra social ed insicurezze, figli di questa realtà; in Italia potremmo iniziare a parlare, invece, di Ghemon come capostipite di un’altra generazione: i buoni, deboli, ma forti; che potrebbe richiamare il concetto di bambini indaco, introdotto negli anni settanta.


I buoni se messi alla prova poi sono un incubo
I buoni se messi alle strette alla fine vincono” 

Ghemon – Mezzanotte



Dan Carrano

Penso e scrivo.

Classe 95, Napoli.

Article published by

Penso e scrivo. Classe 95, Napoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *