ArteStreetart

LA STREET ART OMAGGIA LA STORIA DI NAPOLI

Posted on in Arte · Streetart
La home di Facebook ormai da tempo è invasa dai video (interessantissimi) di Alici Come Prima, ultimo “Enzo Dong o Pino Daniele?”. In modo eccellente questi video mostrano la pochezza di una generazione (parte di essa), ignara magari di chi ha segnato generazioni passate e la storia di una città. 
La street art negli ultimi periodi però da una mano essenziale nel riscoprire la storia della città oltre che di passate generazioni.

” Ricordare la storia di una città e la sua cultura è uno primo passo per riappropriasi della propria identità culturale. ” (La street art a Napoli, un treno che continua a correre)

artwork: Giorgia Amato
Tra Napoli e dintorni sempre più mura diventano portavoce della storia contemporanea e non della città partenopea. 
Recente è l’omaggio ad Enzo Avitabile a Marianella, a cura dell’artista romano Gofy, voluto dalla associazione Pro Loco Soul Express; così come è recente il murale di Jorit dedicato  ad Hamsik. Jorit non è nuovo a questo tipo di opere oltre ad aver ritratto negli anni vari rappers (locali e non) ricorderete sicuramente il suo Maradona a San Giovanni, oppure Massimo Troisi a San Giorgio a Cremano, o ancora Eduardo De Filippo presso il teatro San Ferdinando. Celebre è poi l’omaggio di Maradona fatto nei Quartieri Spagnoli per lo scudetto, restaurato l’anno scorso da Salvatore Iodice. Da ricordare anche i poster di San Spiga ritraenti l’ormai cittadino onoraio di Napoli. 

Enzo Avitabile, Gofy
Hamsik, Jorit
Eduardo De Filippo, Jorit
Massimo Troisi, Jorit
Maradona, Jorit 
Maradona

Maradona, San Spiga
Oltre a personaggi più popolari le mura di Napoli ricordano anche chi, come Giancarlo Siani ha combattuto la Camorra. Due gli omaggi al giornalista, uno nei Quartieri Spagnoli, a cura di Salvatore Iodice, un altro in Via Romaniello dagli Oticanoodles. Sempre loro hanno poi dato un volto nuovo alla stazione Garibaldi di Napoli con il murale ritraente il principe della risata: Totò.
Sempre in ambito di Stazioni, grazie al Festival di Sky Arte anche la stazione di Montesanto ha un nuovo volto, più di uno; Roxy In The Box ha infatti riprodotto molti dei volti storici della città.

Totò, Orticanoodles
Giancarlo Siani, Orticanoodles
Giancarlo Siani, Salvatore Iodice

Roxy In The Box 

E Pino Daniele? Lui è stato omaggiato da Zem, così come da RaffoArt, autore anche di un murale in omaggio a Bud Spencernon la stessa grandezza e spessore delle altre nominate precedentemente, ma pur sempre arte urbana che ci insegna e ricorda la storia.

Pino Daniele, Zem 
Pino Daniele, Raffo Art

Bud Spencer, Raffo Art
 Insomma le mura stanno diventando un libro di storia grazie all’arte; arte  che dobbiamo ringraziare, non bisogna dare nulla per scontato nemmeno che qualcuno possa non conoscere Pino Daniele, come nel video di cui sopra.

Dan Carrano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *