ArteSPOTTEDStreetart

SPOTTED: VHILS – DISTRUZIONE CREATIVA

Posted on in Arte · SPOTTED · Streetart

‘Spotted!” è la nostra rubrica mensile in cui individuiamo i personaggi più eclettici e interessanti del nostro tempo che meritano di essere seguiti.

Alexandre Farto è un artista Portoghese classe ’87 nato a Seixal, un piccolo comune di Lisbona. Vhils, il suo nome d’arte, lo ha ereditato dal suo passato da writer che risale agli inizi degli anni 2000. Negli anni successivi l’artista portoghese è poi riuscito ad evolversi come non pochi dal punto di vista artistico facendo sue tecniche sempre più particolari per fare arte, diventando l’esempio perfetto di una diversa interazione tra artista e piano di lavoro, molto più diretta rispetto a quella che deriva dal “semplice” uso di bombolette spray e pennelli.

Artwork by: Stefano Kermit

Vhils, in pratica, effettua una vera e propria distruzione creativa. Attraverso l’utilizzo di attrezzi come scalpelli e trapani elettrici intaglia la superficie di muri dei palazzi (in maniera ridotta ha lavorato anche su superfici più piccole come quelle delle porte) per creare opere d’arte. La tecnica adoperata è appunto quella dello scrutching the surfaces, che significa proprio graffiare la superficie. I soggetti delle sue opere sono volti umani rappresentati con un’elevata precisione e cura maniacale anche del più piccolo dettaglio, nonostante utilizzi appunto una strumentazione e delle tecniche di lavoro comunque molto rudimentali. La scelta di rappresentare volti su superfici come quelle delle facciate dei palazzi deriva da una particolare influenza subita dall’artista, quella che riguarda la trasformazione urbana intensiva subita dal proprio paese negli anni ’80 e ’90. Il concetto dietro le sue opere quindi è quello dell’identità, in particolare la capacità dell’individuo di adattarsi ai continui cambiamenti e sviluppi della società moderna. 

Vhils è un artista a 360°, nell’arco della sua carriera artistica è riuscito a promuovere la sua arte attraverso una pluralità non indifferente di media. Oltre alla tecnica dello scrutching the surfaces con la quale incide arte nei muri, l’artista portoghese è abile nella tecnica dello stencil ma allo stesso tempo si trova a suo agio anche dietro la telecamera, quando si tratta di girare un video (Ha diretto un video per gli U2 per la loro canzone Raised by Wolves che potete vedere qui). Ma non è finita qua, evidentemente scalpelli e trapani elettrici non erano abbastanza per appagare la sua fame di distruzione creativa ed è quindi passato addirittura all’utilizzo di materiale esplosivo per dare vita ai suoi volti sui muri, come si può benissimo vedere nei vari video che trovate qui.

Alessandro Canonico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *