Live Beady Eye @ Roma 16.02.14

Posted on in Senza categoria

Ieri sono stato a Ciampino (Roma), precisamente all’Orion per assistere al concerto dei Beady Eye. Ma chi so sti Beady Eye? Sono un gruppo Inglese formato da Liam Gallagher, dopo lo scioglimento degli Oasis e la conseguenziale rottura con il fratello Noel, insieme con Gem Archer (chitarra), Andy Bell (chitarra) e Chris Sharrock (percussioni, batteria) sempre ex Oasis.

.
Da sinistra a destra: Liam Gallagher, Andy Bell, Gem Archer, Chris Sharrock  

Sono arrivato al locale verso le 16, dopo aver ascoltato la fine delle partite alla radio e bevuto un caffè verso le 17:15 mi metto in fila, inisieme a copie sputate di Liam, ragazze con maglie degli Arctic Monkeys e David Bowie (io mi chiedo ancora perché). Quasi due ore di attesa poi alle 19 aprono le porte ed entro. Il locale è abbastanza piccolo quindi si poteva vedere bene ovunque ma riesco a posizionarmi abbastanza vicino il palco, più o meno 2 metri da questo, e aspetto, Il concerto sarebbe iniziato verso le 21:30 e con canzoni di qualche “gruppetto” come i Kinks, i Rolling Stones, i Stone Roses e altri, che risuonano dalle casse e “addolciscono” l’attesa, qualche chiacchiera e altri che invece per ammazzare il tempo giocano a Flappy Birds o Candy Crush e altri ancora che si cimentano nel saluto fascista (mi chiedo anche su questo ancora perché), passano anche queste altre due ore e mezza di attesa. Sono le 21:30 tra la folla che scalpita e urla “LIAM LIAM” entrano, Liam con un nuovo look, capelli tutti rasati, ma con il suo solito outfit giubbotto lungo fino a mezza coscia (probabilmente della sua Pretty Green) Jeans e occhiali scuri. Iniziano con Flick of The Finger presa dal loro ultimo disco BE uscito nel 2013 ed ecco che succede l’impossibile, iniziano a spingere tutti, avanti dietro sinistra destra, mentre il gruppo Britannico continuava a suonare passando da Face The Crows a Second Bite of The Apple e tra queste  Soul Love sempre presa da BE e 4 Letter Word presa dal loro primo album, Different Gear Still Speeding e dopo bestemmie di ragazzi e grida incredibili di ragazze mi ritrovo a 10 metri dal palco. Il bello arriva qualche canzone dopo, proprio quando iniziano a suonare Shine a Light caso ha voluto che la corrente saltasse, momento tanto irritante quanto simpatico. Dopo qualche fischio e qualche coro del tipo: “Forza Lazio alè” e “Lotito paga la luce” la luce ritorna e (ri)suonano Shine a Light. Intanto, giustamente, mi vado a prendere una birra al bar e mentre suonano Wonderwall (degli Oasis) tranquillo tranquillo me la bevo. Forse il mio momento migliore della serata. Il concerto continua, senza interruzioni, continuano suonando altre canzoni dall’album BE come: I’m Just Saying e Soon Come Tomorrow e altre come The Roller, Start Anew e Wigwam da: Different Gear Still Speeding, passando per Cigarettes and Alcohol (altra degli Oasis). Verso le 23, con Gimme Shelter chiudono il tutto e tutti vanno via compreso sudato e ancora abbastanza pieno di adrenalina. Tutto sommato, è stato un buon concerto.

Liam Gallagher ieri a Roma.
Alessandro Canonico.
CategoriesSenza categoria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *